sabato 10 gennaio 2009

La Notte dei Vampiri

Oltre ad essere un amante dei film dell'orrore da ormai metà della mia vita, sono ancor più un amante dei vampiri. Di conseguenza, se già dei primi mi sorbisco le peggiori schifezze con la segreta speranza di scovare qualche gioiello nascosto, quando si tratta di film dell'orrore E di vampiri mi sembra ovvio che non me ne lascio sfuggire uno.
Chissà perché, però, i gioielli nascosti non li trovo mai. :(

La Notte dei Vampiri, titolo originale "Midnight Mass", è un film tratto, ma l'ho scoperto solo alla fine, da un romanzo di F. Paul Wilson, uno scrittore di cui ho letto poco quanto niente in realtà, ma che mi pareva se non altro decente, quindi darò la colpa di tutto al film...
La storia: c'è stata un'invasione di vampiri che ora praticamente dominano il mondo. Dopo che la comunità di St. Joseph è ormai divenuta proprietà dei non morti, una ragazza atea, Gwen, va a cercare (non si capisce bene dove) un suo amico prete, Joe, scacciato dalla parrocchia per un'ingiusta accusa di pedofilia, e lo convince a tornare indietro per aiutare i suoi parrocchiani, cosa che alla fine riuscirà a fare.
Fin qui, più o meno, tutto OK.

Il problema in effetti non è tanto la trama del film quanto come viene sviluppata.
Tanto per cominciare, ci si aspetterebbe che in un mondo dominato dai vampiri i (presumibilmente pochi) umani se ne stessero nascosti o organizzassero sacche di resistenza. Questi no: si fanno beatamente gli affari loro e di notte stanno in nascondigli il cui livello di sicurezza è pari a quello della Casa Bianca (sì, ma la Casa Bianca di Finnell, ovvero, per i non addetti ai lavori: la porta è aperta, entrate pure). In effetti questi nascondigli vengono regolarmente attaccati dai vampiri (anche se sempre e solo dopo che è arrivata Gwen, il che fa supporre che la ragazza porti un tantinello sfiga...)
I vampiri, poi, sono un capolavoro. Al novantotto per cento sembrano zombie coi denti lunghi: scarnificati, barcollanti, non parlano (al più ululano, e no, non so perché ululino). Due (sì DUE) sono intelligenti, parlano e in generale hanno un aspetto decente.
Qualcuno potrebbe dire: OK, sono quelli potenti.
No. Troppo facile.
Uno è l'ex parroco di St. Joseph, il superiore di Joe (nonché vero pedofilo), che è dunque divenuto vampiro meno di un anno prima ed è ora a capo dei vampiri locali (chi abbia vampirizzato lui rimane ignoto), e l'altro un deficiente che è diventato vampiro la sera prima del ritorno di Joe e Gwen, fate un po' voi...
Il primo è anche dotato del superpotere di parlare con l'eco, ma solo una battuta sì e due no.
Altro problema è quello del tempo...
Quando Gwen va a cercare Joe, i due passano la notte in un negozio di liquori (opportunamente chiuso da quattro travi in croce - in, non a - inchiodate sulla porta... che però è spalancata). Lei sente un rumore e va a indagare, trovando un vampiro rannicchiato in fondo a un corridoio che non c'era mai stato prima (sì, proprio il corridoio non c'era mai stato prima, fino a quel momento il magazzino era un bugigattolo con una sola uscita...). Dopo l'inevitabile scontro, il vampiro apre una porta che non si sa da dove sia saltata fuori ed esce. Si vede chiaramente la luce del sole entrare dalla porta, e il vampiro infatti urla (ma, ribadisco è notte!)
La scena successiva vede Gwen e Joe fuori, dopo che è chiaramente passato del tempo, che trovano il corpo carbonizzato del vampiro, al che Joe fa notare che deve essere "il nostro amichetto di stanotte". Ecco, appunto.
La stessa cosa si ripete verso la fine del film, quando al calare della notte i vampiri si risvegliano in uno scantinato e si vede chiaramente la luce del sole che filtra dal piano superiore, illuminando anche loro che ci passano sotto senza problemi.
La recitazione è scarsa, ma sembra che sia colpa del copione più che degli attori.
Gwen ha degli scatti del tutto privi di senso. Padre Palmeri, il vampiro, è semplicemente ridicolo. Il resto del cast fa piangere, alcuni per incapacità cronica, altri perché davvero non hanno niente di intelligente da dire, e non gliene faccio una colpa.
Ma l'ultimo quarto del film è decisamente un'orgia di nonsense...!
In sintesi, Joe e Gwen tornano in paese e decidono di ripulire e rimettere in sesto la chiesa, che intanto era divenuta il covo dei vampiri.
Non si sa come, con l'aiuto di altre due persone, riescono a ripulirla completamente prima del tramonto, tappezzandola di croci oltretutto, e si preparano alla sera procurandosi anche delle armi per combattere i servi umani dei vampiri.
Alla sera, il prete vampiro tenta di entrare ma viene respinto dal potere della croce, si lagna con l'eco e manda i suoi scagnozzi a risolvere il problema.
Questi entrano, nessuno fa o dice loro niente (e stiamo parlando di quattro persone armate... no, non gli scagnozzi, gli occupanti della chiesa!!!) e gli viene permesso di togliere il crocifisso appeso sopra l'altare, dopodiché i vampiri hanno libero accesso.
Esatto, la chiesa è tappezzata di croci, ma basta toglierne una e i vampiri circolano liberamente. Ovvio, no?
I vampiri, dicevo, entrano, e il prete vampiro si fa una lunga chiacchierata con Joe senza la minima logica; tutti gli altri vampiri ciondolano sul posto e ringhiano l'uno verso l'altro.
Notare lo scambio di battute degno dell'oscar:
---
Palmeri: "Non crederai davvero di potermi battere di nuovo, vero?"
(e, per inciso, quando mai l'ha battuto? Si è pure beccato la nomea di pervertito al posto suo!)
Joe: "Certo c'è sempre la pedofilia"
---
L'altro vampiro intelligente (seeee, vabbe'...) decide senza alcuna ragione di bere il vino consacrato e si scioglie letteralmente, mentre i restanti vampiri scompaiono come se non fossero mai stati lì. A quel punto arrivano due energumeni che si mettono a malmenare Joe. Da notare che ci sono ben tre persone armate nella chiesa ma non ce n'è una che intervenga, anzi uno dei tre addirittura lascia il fucile e se ne va a cercare aiuto!
Joe e Gwen vengono catturati. Micky (la ragazza rimasta, figlia del fuggitivo) pure, ma dalla sua ex amante ora collaborazionista.
Joe si risveglia legato all'altare. Gwen è appesa come un salame al soffitto, a tre metri da terra.
Palmeri vuole trasformare Joe in un vampiro e lui gli fa un sermone, poi dice che gli lascerà fare quello che vuole se lascia andare Gwen. Palmeri invece ordina ai suoi vampiri scemi di ucciderla. Loro se ne stanno lì a guardarla e ululano (del resto, poveretti, non ci arrivano: è a tre metri da terra!)
All'improvviso irrompe nella chiesa tutta la popolazione umana del posto che inizia a malmenare i vampiri con facilità impressionante (uno viene letteralmente ucciso con un pugno in faccia! Sì, un vampiro!).
Poco distante, Micky accoltella la sua amante alla gola e scappa. Lei pare non soffrire della cosa più di tanto e le si lancia contro. Micky schiva, lei finisce con la schiena per terra, Micky le solleva le spalle e le lascia ricadere gentilmente la testa (cosa che basta a metterla fuori gioco, era immune solo alle coltellate alla gola evidentemente), poi la insulta pesantemente dicendole...
... no, non lo immaginerete mai cosa le dice...
... davvero, è una delle cose più oscene che io abbia mai udito...
... le dice "Dovevi fare l'attrice". Sul serio.
Eh no, non doveva, è proprio lì che sta il problema!
Fatto sta che questa deve essere una frase in codice per i vampiri perché si ricordano di essere tali e iniziano a contrattaccare. Inclusi alcuni che non erano vampiri fino a poco prima.
Mentre accadono più cose di quante se ne possano vedere (vale a dire che si suppone che stia accadendo qualcosa ma in realtà non si vedono altro che scene slegate e prive di senso, una delle quali è l'ex amante che si rialza tenendosi non la gola accoltellata, non la testa teoricamente sbattuta sul pavimento, ma la gamba che nessuno le ha mai sfiorato...), avviene il terrificante scontro finale in cui Gwen finisce giù dal primo piano riuscendo in qualche modo a morire nel processo e Palmeri riesce non si sa come a impalarsi da solo, il che (non chiedetemi perché) sancisce la sconfitta definitiva dei vampiri.
Dopodiché arriva la marmotta che confeziona la cioccolata.
Uhm... no, forse quella no, ma ci sarebbe stata bene.

13 commenti:

Pierpaolo ha detto...

LOL! Totale e assurdo! Certo che la cosa di uccidere un vampiro con un pugno le batte tutte a mio parere.

CMT ha detto...

E dovevi vedere che pugno...

Pierpaolo ha detto...

Ah, neanche qualcosa di ben assestato? Non che sperassi in un pugno alla Kenshiro comunque.

CMT ha detto...

Sai quando qualcuno dà un finto pugno alla mascella a un amico per scherzo? Ecco, giusto un pochino più forte e parecchio meno convinto. ^_^

Fed ha detto...

non saprei, così leggendo di primo acchito penso che quegli stralci di dialoghi siano spettacolari. Probabilmente proporrò questo film alla prossima rasegna del film osceno con i miei amici (anche se non spero mdi riuscire a battere il Bosco I che è ormai nella leggenda)

CMT ha detto...

E cos'è? Non lo conosco! ^_^;
Comunque se ne vuoi uno veramente osceno devi recuperare Vampires Vs Zombies

Sean MacMalcom ha detto...

Mmm... i nomi e certi accenni alla trama che hai scritto mi ricordano un racconto intitolato "La messa di mezzanotte" che, però, non rammento se è stato scritto o meno dall'autore a cui fai riferimento (ed essendo al lavoro non posso controllare). @.@
Per la cronaca è una storia contenuta nell'antologia "Vampiri!", seguito logico di "Storie di vampiri" edito dalla Newton Compton nella serie dei Mammuth.

Del racconto "La messa di mezzanotte" non ricordo molto se non che mi era decisamente piaciuto... ma sinceramente non saprei così su due piedi se corrisponde o meno alla trama che hai esposto.
Mi sai illuminare o mi illumino da solo stasera a casa? :D

CMT ha detto...

Caspiterina, esiste un'altra antologia sui vampiri della NC e io non ce l'ho! Argh! Ferale notizia! @__@
Sinceramente non saprei dirti se venga da quel racconto, però il titolo originale è esattamente quello, per cui è probabile.

Willy ha detto...

Premettendo che non sono un esperto in materia horror e delle pellicole di questo genere, a me il film è piaciuto. Sopratutto per la sua cornice religiosa, la cosa che mi fa storcere il naso è la caratterizzazione dei protagonisti (un prete con quei connotati...).
Non molto tempo fa sono riuscito a contattare via mail Pamela Karp (quella che fa l'atea) e rimase
davvero sorpresa nel sapere che il film era stato distrubuito in Italia...

CMT ha detto...

De gustibus... ^__^
Di sicuro esistono film migliori sul genere, ma ne esistono anche di peggiori (tipo "Subspecies", che ho recensito in un altro post... e io ho deciso di farmi violenza e guardarmi anche il II ^__^;;)

Mary Goth ha detto...

Magari l'avessi vista prima questa recensione... lasciando perdere tutti i difetti che hai elencato,mi sono offesa dal messaggio che lascia.In pratica Si vedono:punk,goth,metallari,dark ecc tutti vampiri,sodomiti,satanici,e chi ne ha più ne metta.Io sono goth ma i vampiri mi piacciono nel cinema,nei libri,ma non gioco a fare la satanica vampira sodomita... D: ora capisco da dove provengono certi stereotipi

mark alde ha detto...

http://www.libreriauniversitaria.it/messa-mezzanotte-wilson-paul-gargoyle/libro/9788889541142 il libro è questo

Gio Splatter ha detto...

Ragazzi scusate nn riesco a trovare la prima soundtrack?Le altre lo trovate ma la 1 e quella che mi interessa di +.. Qualcuno sa cm si chiama?Manco shazam me lo riesce a trovare..