sabato 18 aprile 2009

Film del Sabato

Anche questo Sabato mi sono ritrovato particolarmente svogliato e, nonostante le varie cose da fare al PC e il Capitolo 3 da finire, mi sono guardato un paio di film.
Ho cominciato con:

Perfect Creature
Un film che doveva essere una cosa e invece era un'altra.
La descrizione che ne avevo avuto non assomiglia alla trama, ma questo ci sta anche in fin dei conti. Ci sta meno che il film inizi mostrando e leggendo ad alta voce una serie di informazioni riassumibile in "In un mondo simile al nostro, esperimenti genetici hanno portato alla nascita di una razza di uomini superiori, La Fratellanza, che ha sempre vissuto in pace con gli umani, fino a quando è nato qualcuno disposto a rischiare la pace per cambiare il mondo."
Ora... niente di tutto questo è vero.
I "Fratelli", che in termini pratici sono una sorta di vampiri (se si esclude il fatto che non sono dei non morti, sono molto più vampiri di quelli di Twilight) sono nati a causa di un virus, e mai in tutto il film si menziona il fatto che questo fosse derivato da esperimenti genetici (in realtà viene più volte detto tutt'altro). Il tipo menzionato nell'ultima parte, Edgar, non è "disposto a rischiare la pace", è semplicemente impazzito a seguito di un esperimento (questo sì tale) per far nascere altri Fratelli, dato che da tempo non ne nascono più (cosa che non sembrerebbe un gran problema, visto che non muoiono comunque, e dunque non è che rischino l'estinzione...), e non sta esattamente cercando di cambiare il mondo, quanto piuttosto di infettare chiunque gli capiti a tiro, inclusa una poliziotta di cui suo fratello (effettivo) Silius si è innamorato.
Questa non è l'unica contraddizione del film, che in più occasioni lascia abbastanza basiti per la carenza di informazioni (la sensazione è quella tipica del "qui mi manca qualcosa") e le affermazioni illogiche (ad esempio Silius afferma che i Fratelli come razza siano nati cento anni prima, ma il prologo del film è ambientato proprio cento anni prima e ce n'erano già di adulti... se si considera che Silius ha più di cent'anni e ne dimostra meno di quaranta... è evidente che erano già in giro da un bel po'). Soprattutto, si fa un gran parlare di come La Fratellanza serva gli umani (che in cambio donano volontariamente il sangue per il loro nutrimento), ma in cosa consista questo servire è un bel mistero, visto che in concreto i vampirozzi vengono serviti e riveriti, quasi adorati dalla popolazione, e tutto hanno fuorché un atteggiamento servile nei confronti degli umani. Mah!
Il film, comunque, non è orrendo, ma è abbastanza noioso e poco coeso, anche se ha indubbiamente il vantaggio di avere dei vampiri che sembrano vampiri (ma ufficialmente non lo sono, per cui... mah!)
Piccola nota, sono stranamente riuscito a trovare qualcuno che ha le iridi estremamente simili alle mie, cosa credo poco comune (questa qui sotto è sua, non mia).


La visione è proseguita con:

The Invasion of The Spiders
Il titolo originale di questo film è "Spiders 2", il che fa pensare che esista uno "Spiders (1)", ma soprattutto fa pensare in generale, specie a quale sia l'utilità di sostituire un titolo in inglese con un altro titolo in inglese.
Per buona parte del film, comunque, viene il dubbio che quel "2" si riferisca al tempo sullo schermo (in minuti) dei ragni, perché passano tre quarti buoni di pellicola prima che questi abbiano veramente un ruolo attivo. Per il resto compaiono in tre fotogrammi scarsi, uno all'inizio e gli altri dopo oltre quaranta minuti di film!
Il film, idiota, vede una coppia fare naufragio (il loro piccolo yacht si piega di lato e affonda nell'arco di un minuto, credevo solo le barchette giocattolo potessero fare cose del genere) e venire salvata da uno strano cargo, a bordo del quale un dottore sta facendo esperimenti con dei ragni cercando di trovare un modo di trasferire all'uomo la loro immunità alle malattie umane (che forse avranno in quanto non sono umani? Mah!)
Il dottore in questione ha con sé una discreta quantità di ragni delle dimensioni di piccoli elefanti - e mai in nessun punto del film viene spiegato come possano esistere questi ultimi - nonché la sgradevole abitudine di usare esseri umani come incubatrici viventi per ulteriori ragni (cosa che non si capisce cosa abbia a che vedere con la sua ricerca, in realtà).
Il film è stupido, dicevo, ma molto educativo. Ad esempio insegna che:

  • nella ricetta dei fagioli col bacon non è previsto l'uso del bacon
  • la febbre causa sogni premonitori
  • i ragni urlano
  • se si spara a un ragno gigante con un mitra, il ragno esplode
  • se si butta una granata in bocca a un ragno, invece, gli esplode solo la testa, ma con un simpaticissimo effetto a fungo di colore verde
  • ingigantire un ragno non ingigantisce le sue filiere: i fili di tela sono sottili come quelli normali
  • se un ragno deposita le uova nel corpo di un umano, la cosa si può risolvere con un antidoto
  • un ragno in grado di sollevare di peso un umano medio, non riesce a ribaltare (né a spingere) un tavolo da ping pong in piedi sul lato corto

Come è vero che non si finisce mai di imparare...!

2 commenti:

Eli ha detto...

- io ribadisco che per mia fortuna non amo il cinema eheheh....
- potevi mettere le due foto a confronto
- bel colore complimenti al caso mi noleggi un iride? ;-D

CMT ha detto...

- be', ma c'è di meglio delle cose che vedo io
- sì, ma è un'impresa farsi una foto ravvicinata dell'iride ^__^;
- in realtà questo tende più all'azzurro mentre il mio è più verso il verde, ma la somiglianza è notevole, specie l'area marrone-dorata attorno alla pupilla